14 febbraio torna nel mondo ONE BILLION RISING

OBR

OBRUn miliardo di voci contro la violenza su donne e bambine
Crescere! Resistere! Unire!

Ancora una volta, il tema di SOLIDARITY rimane al centro di One Billion Rising 2018.

Stiamo entrando in un periodo definito da una feroce escalation di attacchi fascisti, imperialisti e neoliberali sulla vita delle persone in tutto il mondo. E i più emarginati – classe lavoratrice, minoranza e donne ai margini in ogni parte del globo – sperimentano l’impatto e sono costretti a confrontarsi con questi attacchi per il loro benessere, i loro diritti e le loro case.

In risposta all’elezione di Trump negli Stati Uniti, unendosi all’emergenza di altri leader anti-donne, anti-popolo e governi di tutto il mondo, stiamo assistendo ad un massiccio aumento globale di movimenti e all’impegno profondo e continuo, che creano una forte solidarietà e un’energia dinamica per una crescente resistenza ovunque – per i diritti delle donne e di genere, la protezione e difesa delle terre indigene e dei diritti delle popolazioni indigene, contro il fascismo e la tirannia, discriminazione e razzismo, saccheggi e distruzione ambientali, avidità delle multinazionali, violenza economica, povertà, brutalità dello stato e repressione, guerra e militarismo.

Quest’anno, l’OBR è destinata ad aumentare i RISING contro tutte le forme di violenza contro le donne – inclusa una crescente resistenza contro i sistemi che causano altre forme di violenza: imperialismo, fascismo, razzismo, capitalismo e neoliberismo – e continuerà a mettere in risalto dove questi problemi si interconnettono.

L’OBR 2018 continua a sostenere il tema di “Solidarietà contro lo sfruttamento delle donne“, poiché le politiche neo-liberiste e il capitalismo rapace sono diventati il motore della maggior parte dei governi, portando conseguenze profonde alla classe operaia e ai settori marginalizzati.
Lo sfruttamento e la povertà senza precedenti che devastano la maggior parte del mondo stanno diventando più difficili e impossibili da ignorare.

La sofferenza ha raggiunto nuove vette e quest’anno l’OBR sta assistendo a una nuova, dinamica e radicale militanza e vitalità che si oppone e si innalza contro tale repressione e oppressione.

Un focus continua a rimanere su “Sfruttamento“, perché le donne di tutto il mondo stanno soffrendo il regno del neoliberismo che ha peggiorato le condizioni sociali ed economiche per le donne.

La fame ha raggiunto nuovi livelli e la povertà non può più essere esclusa come una forma distinta di violenza. Disoccupazione, senzatetto, sfruttamento lavorativo, lavoro forzato, tagli di governo ai servizi sociali, assenza di terra, contrattualizzazione, abbassamento del salario minimo, privatizzazione, sfollamento da guerre, militarizzazione e clima, disastri ambientali causati dall’avidità delle imprese, traffico umano e sessuale e altro – tutti risultati di un sistema globale che sta facendo precipitare il mondo nella crisi economica – prestano ad altre forme di violenza che vanno di pari passo con l’atroce povertà, fame e privazione.

Il tema dello sfruttamento mette in evidenza, in particolare, i lavoratori che aumentano ovunque.
Dalle donne contadine e dalle comunità indigene che si innalzano contro industrie estrattive come l’estrazione mineraria, la trivellazione petrolifera, il fracking e il saccheggio dell’ambiente e delle risorse naturali, agli operai che si oppongono agli abusi delle multinazionali all’interno delle zone di esportazione, agli infermieri che si alzano per migliorare la paga e la dignità del lavoro, i lavoratori del governo in aumento contro i propri datori di lavoro, i lavoratori del ristorante in aumento per il salario minimo, i lavoratori migranti e domestici in aumento contro le pratiche di lavoro abusive, i lavoratori in abiti in aumento per la sicurezza sul posto di lavoro, i lavoratori in tutto il mondo in aumento per vivere salario, sicurezza, dignità, uguale retribuzione e altro ancora.

Le donne lavoratrici di tutto il mondo stanno crescendo contro gli attacchi neoliberali ai salari e contro il degrado dei lavoratori, ridotti a nient’altro che ingranaggi, parte di una ruota capitalista globale che continua a produrre profitti che non tornano ai lavoratori. Stati, Nazioni, Istituzioni Internazionali che così spesso pretendono di salvaguardare il benessere del popolo, sanciscono questo sfruttamento economico – ma esistono solo per essere i fornitori imperialisti di capitale – e quindi, le avanguardie di sfruttamento.

Il 2017, ha visto lavoratori, gruppi di minoranza e le comunità più emarginate rimontare anche di fronte alla repressione, l’inganno, la manipolazione e la violenza. Ma a causa della forza della solidarietà, le risposte vedevano anche un’energia collettiva e una resistenza politica che non potevano essere schiacciate.

La nostra richiesta di SOLIDARIETÀ è locale e globale e include, ma non è limitata a

Rising Against ...

– Guerra
– Tirannia
– Razzismo
– Fascismo
– Violenza contro le donne
– Sfruttamento dei lavoratori
– Imperialismo
– Risorse e sfruttamento della terra
– Distruzione del clima
– Povert
– Misoginia
– Patriarcato
– Sessismo
– Discriminazione di genere

E’ in aumento per:
– Uguaglianza delle donne, sicurezza e libert
– Diritti dei rifugiati
– Diritti dei migranti
– Giustizia climatica
– Diritti riproduttivi
– Formazione scolastica
– Stampa libera
– Sicurezza dei difensori dei diritti delle donne
– Diritti costituzionali
– Educazione civica e sessuale
– Diritti LGBTQI

Come negli anni precedenti, la classe lavoratrice, le donne di base, le minoranze e le donne emarginate continueranno a guidare in modo feroce e dinamico le donne che sono state maggiormente colpite dalle politiche anti-donne, anti-democratiche e anti-popolari.

RESISTERE

L’entità della sofferenza delle donne continua a generare resistenza creativa e politica nel movimento One Billion Rising come non avevamo mai visto prima.
Quello che è iniziato come una protesta di danza creativa in tutto il mondo sta emergendo come una resistenza creativa collettiva che usa l’arte e la solidarietà come potenti strumenti di protesta contro tutte le forme di violenza.

Oggi, One Billion Rising sta crescendo e va oltre l’opposizione degli effetti del patriarcato e della violenza fisica e sessuale alle donne: confrontarsi e resistere ai sistemi capitalisti, imperialisti e fascisti globali che causano e sostengono forme peggiori di povertà, forme di lavoro senza precedenti, economiche e sfruttamento sessuale, traffico di esseri umani e sessuali, migrazioni forzate, violenze e guerre sponsorizzate dallo stato, razzismo ed esclusione, abusi e saccheggi ambientali, militarizzazione e spostamenti interni e internazionali.

Un aumento di un miliardo ci mostra che le donne svolgono un ruolo cruciale in questa resistenza, creando movimenti di solidarietà, mentre guidano dalla prima linea delle lotte locali, nazionali e internazionali.

Ci mostra che le donne continuano a organizzarsi ovunque, sfruttando l’energia collettiva, costruendo la speranza e la solidarietà, e usando creatività e visione mentre innalzano la coscienza politica nella loro determinazione incrollabile e feroce verso un futuro di libertà, uguaglianza, rispetto e dignità.

da: https://translate.google.it/translate?hl=it&sl=en&u=https://www.onebillionrising.org/about/campaign/&prev=search