Cerca nel sito
Immagine
News
Home
border="0"

Libero scambio, libero mercato, … libero comando.

Mentre gli interessi delle grandi aziende si identificano per avere maggiore egemonia sul mercato delle relazioni produttive e del consumo, gli interessi della politica per il bene comune, si fanno sempre più privati.

Ogni persona si trova a lottare per la propria sopravvivenza, a concorrere con il proprio simile, per mantenere un qualche diritto. Si genera una frantumazione, uno sgretolamento del diritto universale che rimane soggiogato agli interessi privati del più forte.

Così violenza e razzismo prevalgono e suggellano le relazioni sociali; mentre la solidarietà non trova la giusta dimensione della pratica politica per determinare il cambiamento: fuori dai mercati e dai mercanti.

 
Primo Piano
 

Sette anni fa, marzo 2008, la filosofa americana Wendy Brown parlò in una conferenza romana dei nuovi muri che dal 1989 in poi, a onta e smentita della retorica sul mondo unificato dal crollo del muro di Berlino, erano spuntati qua e là tracciando nuove linee di guerra, esclusione, xenofobia, militarizzazione poliziesca. ...

 

Il filosofo, teorico della "società liquida", parla del dramma profughi: "Le tragedie di questi giorni sono il segnale di una stanchezza morale. Ma non rassegniamoci ai muri". "Un giorno Lampedusa, un altro Calais, l'altro ancora la Macedonia. Ieri l'Austria, oggi la Libia. Che "notizie" ci attendono domani? ...

 

Sono molto commosso per la grande com­mo­zione, nella Comunità Economica Europea, per i migranti morti nel tentativo di fuggire dai disastri umanitari causati in Siria, Libia e altrove dagli Stati Uniti e dalla Comunità Economica Europea....

 

Ogni settimana l’analisi dei progressi raggiunti prima della ratifica di nuovi impegni all’Onu. Cominciamo dal primo: nella maggior parte dei paesi la povertà estrema è stata eliminata, ma oggi ancora 1,2 miliardi di persone vivono con meno di 1,25 dollari al giorno. ...

 

Le immagini di quest’ultime settimane hanno ripor­tato all’attenzione dell’opinione pubblica il dramma degli sbarchi, con l’arrivo sulle nostre coste e su quelle greche di migliaia di persone in pochi giorni. L’affondamento di alcuni natanti utilizzati per queste traversate ha avuto, come tragico e inevitabile corollario, la perdita di centinaia di vite umane. ...

 











powered by dBlog CMS ® Open Source  | Crediti