Dicembre 2017: le “GIORNATE” e la “MEMORIA”

Memoria

MemoriaIl mese di dicembre con le sue “Giornate” prescritte ci conduce verso la fine dell’anno.

Un mese che ripensa e fa ripensare la “Memoria“, alla sua importanza, capace di dare valore ai significati dell’essere e alla volontà che li conforma.

La “Memoria” è un principio dello sviluppo bio-dinamico dei corpi che rinsalda i ricordi alla vita e la rende partecipe alle miserie politiche che la determinano.

Da questo punto di vista possiamo riconsiderare le “Giornate” poste a “Memoria” dalle Nazioni Unite, per risvegliare i corpi e le menti sopite dagli obblighi imposti dal mercato concorrenziale e dalla frenesia quotidiana per non soccombere.

—————-
Schiavitu
2 dicembre:
Giornata internazionale per l’abolizione della schiavitù (1949)

Ci richiama a ricordare la repressione del traffico di persone e dello sfruttamento.
Le moderne schiavitù ci prospettano numeri impressionanti di persone coinvolte: oltre 40 milioni le vittime imprigionate nello sfruttamento, nei lavori forzati, nella tratta, nella prostituzione.
Uno su 4 sono minori.

In Italia nel 2016 le vittime della tratta censite e inserite in programmi di protezione, sono state 1.172, di cui 954 donne e 111 bambini e adolescenti.

Le denunce di questi giorni che hanno portato alla luce le drammatiche condizioni  in cui sono costretti uomini, donne e bambini in Libia, ci dicono quanto incidono le migrazioni, soprattutto quanto sia grande la responsabilità delle politiche, anche dell’Italia, degli accordi con regimi e milizie per fermare i migranti.

—————-
Presidio in San Babila – 9 dicembre ore 16,30

Vedi: https://m.facebook.com/events/304004120096362/?ti=as

—————-
Disabilita
3 dicembre:  Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità (1981)

Una Giornata, richiamata alla “Memoria”, per attirare l’attenzione sulle condizioni di oltre 3.400.000 persone italiane con disabilità.

Persone spesso discriminate, poste ai margini della vita sociale, per le quali è necessario perseguire ed assicurare loro il godimento di tutti i diritti umani e di tutte le libertà fondamentali,  senza discriminazioni di alcun tipo, promuovendo la loro effettiva partecipazione ed inclusione all’interno della società.
Oggi solo il 18% è inserita nel mondo del lavoro.

—————-
consumo-suolo
5 dicembre:
 Giornata mondiale del suolo

Il suolo, la Terra è una “Madre” capace di castigare i soprusi dei figli che le sono ingrati.

Troppo spesso la “Memoria” dell’umano che interagisce con il suolo dimentica che la Terra è un bene finito.
Devastazioni, cementificazioni, inaridimento dei terreni agricoli, …, sono le cause dei disastri ambientali che succedono con frequenza sempre maggiore provocando morti e rovine.

L’Italia nel rilevamento Eurostat si attesta in quinta posizione tra i Paesi a più elevata intensità di urbanizzazione, con il doppio del territorio urbanizzato rispetto alla media europea: oltre il 7% della superficie.

La Lombardia è la regione con la percentuale maggiore di consumo di suolo in Italia, quasi il 13%.

Agire sul consumo del suolo si può.
Vedi: http://www.dimensionidiverse.it/il-giorno-del-sovrasfruttamento-della-terra-cade-il-2-agosto/

—————-
Volontariato
5 dicembre: Giornata internazionale del volontariato  (1985)

“Da allora, decine di migliaia di volontari hanno contribuito alla nostra missione globale, collaborando con una moltitudine di organizzazioni, programmi e agenzie delle Nazioni Unite e con le missioni per il mantenimento della pace e speciali missioni politiche. Voglio lodare l’impegno e la dedizione di tali volontari” (Ban Ki-moon)

ll volontario è certamente una grande risorsa non di rado soggetta a “sfruttamento” da attività lucrative e da ambiti istituzionali spesso incapaci di politiche adeguate che rendono il volontario “co-responsabile” dell’inerzia della politica.
In Italia, persone che si impegnano gratuitamente per gli altri o per il bene comune sono oltre 6,5 milioni.
Una complessa quanto eterogenea massa di persone, purtroppo quasi sempre silenziosa.

—————-
Corruzione
9 dicembre:  Giornata Internazionale contro la Corruzione (2003)

Una giornata di denuncia degli effetti perversi che la corruzione ha sulle economie globali e la società, che trova scarsa “Memoria” nei corpi singoli e negli apparati Istituzionali.

La Giornata è un richiamo sicuramente importante e doveroso , per sollecitare a far prevalere l’integrità morale non solo nelle singole persone, ma in particolare nelle Istituzioni.

Un auspicio regolarmente sollecitato a diversi livelli, che purtroppo rincorre un fenomeno sempre in grande espansione e che pervade la sfera della quotidianità, ma che non trova responsabilità adeguata per un suo superamento.

Dalla grande alla piccola corruzione la stima è che essa costituisca un costo di oltre 60 miliardi.

—————-
diritti
10 dicembre:
 Giornata mondiale dei diritti umani (1950)

La data è stata scelta per ricordare la proclamazione da parte dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite della “Dichiarazione Universale dei Diritti dell’uomo, il 10 dicembre 1948.

E’ questa sicuramente tra le “Giornate”, quella maggiormente carica di significati, dalla valenza di universalità. Ma al contempo è la Dichiarazione maggiormente disattesa.

Lo stanno a dimostrare le grandi ingiustizie che attraversano la società globale, a partire dai grandi e piccoli conflitti che creano distruzione e miseria, dagli enormi e impropri sistemi di sfruttamento delle risorse e delle persone che creano grandi disuguaglianze, dalle ipocrisie delle “democrazie” che paventano diritti inalienabili soggiogati dai grandi egoismi, fino ai grandi processi di privatizzazione dei beni comuni.

Diritti che nell’attuale sistema economico difficilmente potranno accogliere il grido di sofferenza delle grandi miserie, se non si sovvertono i processi di scambio.

Vedi rapporto OXFAM: http://www.dimensionidiverse.it/?s=rapporto+oxfam

—————-
animali
10 dicembre: Giornata internazionale dei diritti degli animali

In concomitanza con la “Giornata mondiale dei diritti umani” è fondamentale riconoscere che ogni essere vivente ha diritto alla vita alla pari degli esseri umani.

E’ questa una “Memoria”, importante, una opportunità per ricordare che “la libertà, la giustizia ed il rispetto sono valori fondamentali per ogni singolo individuo, a prescindere dalla razza, dal genere, dalla posizione sociale o dalla specie“.

—————-
12 dicembre 2017: Contro tutti i fascismi di ieri e di oggi

Appello: http://www.dimensionidiverse.it/12-dicembre-2017-contro-tutti-i-fascismi-di-ieri-e-di-oggi/

—————-
Senza-titolo-15
18 dicembre:
Giornata internazionale dei migranti (2000)

Nel 1997 numerose organizzazioni per i migranti iniziarono a celebrare e a promuovere la data del 18 dicembre come Giornata Internazionale di Solidarietà con i Migranti, sancita ufficialmente dall’ONU nel 2000.

Questa Giornata è una “Memoria” che non ha bisogno di essere richiamata in quanto è l’attualità più scottante presente fortemente nella quotidianità a tutti i livelli, nelle forme più discriminanti, razziste e xenofobe.

Un atteggiamento surrogato da falsità che politici senza scrupoli, cosiddetti populisti utilizzano, alimentando paure, declinando ragioni futili come “invasione“, “ci rubano il lavoro” e scempiaggini di questo tipo, a fronte di dati incontestabili sugli ingressi e sulle condizioni incontrollate di sfruttamento esasperato del lavoro e dei centri di detenzione.

Un atteggiamento irresponsabile assunto dai Governi incapaci di politiche di accoglienza che oggi pretendono di delocalizzare i confini oltre che le galere vigliaccamente ignorando le devastazioni dei corpi di uomini e donne e bambini, assoggettati dagli accordi con governi e milizie, pagati per lo sporco lavoro.

Una grande disumanità che richiama la responsabilità alla mobilitazione.
Appello per la manifestazione nazionale del 16 dicembre a Roma: http://www.dimensionidiverse.it/manifestazione-nazionale-roma-16-dicembre-ore-14/

—————-
Solidarieta

20 dicembre: Giornata internazionale della solidarietà umana (2005)

La Giornata identifica la solidarietà come uno dei valori fondamentali e universali che dovrebbero essere alla base delle relazioni tra i popoli.

Se c’è una ragione forte per celebrare questa Giornata è la “Memoria” di tutte quelle elencate in precedenza.

Date che richiamano e racchiudono i Corpi dei viventi, della Vita: i nostri corpi, la nostra vita.
L’appello alla solidarietà, al gusto disinteressato del Bene Comune, è il valore primario e fondamentale per animare i corpi e le menti verso un fare sensato che si propone e si prospetta  per un altro mondo possibile.

Auguri