Quanto tempo è rimasto!

Si sta aprendo una voragine tra il “NOI” e il “LORO”.

Tra il “NOI” e ogni diversità che non ci appartiene.
Tra il “NOI”, la nostra appartenenza, e quella degli ALTRI.
Tra le NOSTRE pratiche e le pratiche degli ALTRI.
tra il Personale e il Comune.

Tutto questo si trasforma in rifiuto, respingimento, indifferenza, … odio e violenza.

 

Un’ondata razzista, omofoba, misogina, fascista che si sta moltiplicando anche attraverso il grande aumento delle denunce delle violenze.

Noi – NO – non siamo razzisti, fascisti,

Il 2 marzo manifestiamo “PRIMA LE PERSONE” per l’accoglienza, per l’inclusione.

“PRIMA LE PERSONE” non può essere un messaggio buonista.

Attraverso le “Persone” il “NOI” –  vogliamo manifestare una forte denuncia delle violazioni dei diritti umani, le responsabilità della politica istituzionale.

Così come vogliamo manifestare la consapevolezza della distanza de il NOI” che genera assurde incomprensioni della umanità che ci appartiene.

Per questo, tutte e tutti NOI saremo in marcia contro l’indifferenza e l’apatia ed in particolare contro la violenza del c,d, “Decreto Salvini” e l’apertura dei CPR.


Appello di PEOPLE – PRIMA LE PERSONE