Author Archives: dimensionidiverse

10 dicembre 1948 – 10 dicembre 2018

Chi ha visto il mio diritto?

Le date del calendario sono piene di ricorrenze proposte dalle Istituzionali Internazionali che intendono richiamare l’attenzione su diverse realtà problematiche.

Tuttavia quelle sui Diritti meritano la massima attenzione, infatti dall’osservanza e dalle pratiche dei Diritti Universali dipendono Libertà e Giustizia e con esse la Dignità di tutte le persone e dei rapporti interni alla società.

La giornata del 10 dicembre 2018 ricorda il 70° della “Dichiarazione Universale dei Diritti Umani” rilasciata il 10 dicembre 1948 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite.

In essa vengono sanciti i Principi Universali attualmente sottoscritti da 196 paesi, Principi che sono diventati parte delle diverse “Carte Costituzionali” dei Paesi, ma anche di intere Comunità come la “Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea” e la “Carta araba dei diritti dell’uomo“.

VEDI:

È quindi sempre utile e necessario riconsiderare la valutazione dell’attuazione dei Principi che stanno alla base delle relazioni sociali e della Dignità personale e collettiva.

La mancata responsabilità dei Governi Istituzionali nell’applicazione e nel garantire l’universalità dei diritti genera disuguaglianze e ingiustizie: è una politica assoggettata al potere economico e all’interesse privato.

L’insignificanza non trova la pratica dovuta, il corrispondente ricambio e scambio di una rielaborazione, viene svalutata la forza e la ragione per garantire pari dignità e cittadinanza.

Chi ha visto la mia dignità?

La dignità non è un altrove insignificante, essa appartiene al corpo e alla mente, va svelata, palesata come la diversità che la comprende.

E’ l’assunzione di responsabilità necessaria per conoscere e comprendere la diversità dell’altro, per ricreare la forza necessaria a resistere e lottare contro i soprusi e le violenze per una diversa umanità: i  principi della “Carta” sono parte del presente.

Il personale piega l’universalità al diritto privato: potere per sé!

Il personale diventa l’alibi che giustifica ogni possibilità di cambiamento: assuefazione – apatia – indifferenza.

La misura della dignità appartiene alla quantità di beni acquisiti sul mercato concorrenziale.

Una violenza repressiva e distruttiva ha rubato l’anima, non solo la Dignità!

La paura di perdere, di essere, sentirsi emarginato, manifesta il limite personale e l’asservimento al potere dominante: economico, politico.

Occorre riprendere la forza dell’autodeterminazione, della soggettività personale, in ragione del potere/volere di cambiamento che è costantemente violato: Libertà, Giustizia, Solidarietà, sono parole associate che devono sviluppare le pratiche di lotta e di partecipazione.

L’obiettivo è garantire il Diritto, la Dignità da riconquistare: aprire un fronte di lotta contro l’apatia, l’indifferenza che giustificano le scelte e le relazioni per recuperare comprensione e solidarietà contro la diffamazione e la sterilizzazione della dignità umana.

10 dicembre 2018
dichiarazione universale dei diritti umani

18 dicembre
Giornata Internazionale per i Diritti dei Migranti

 

Ma quale “fiducia” !?

A votare il Decreto Sicurezza è stata la “fiducia“. NON RAGIONI DI GIUSTIZIA
Così come è stata la “fiducia” a votare gli attuali parlamentari – politici – che costituiscono la Maggioranza di governo.

Nella vita quotidiana la “fiducia” è una cosa seria, non si concede facilmente, è ben ponderata, si cercano garanzie, responsabilità, … deve rispondere di sé stessa: garanzie che ritornano.

Per la politica e i politici sembra venir meno l’importanza, la consapevolezza del “dare fiducia“.
Nel Parlamento le forze di governo si “fiduciano” le une con le altre.
A guardar bene . in realtà si vede che si “sfiduciano” l’un l’altro.

La “fiducia” per loro è una merce di scambio:
Io ti “fiducio” QUI. … Tu mi “fiduci” LA’.

Il rischio è che questo loro giocare la “fiducia“, finisce con l’essere NOI gli “sfiduciati.

Il cosiddetto Decreto Sicurezza è pieno, saturo di  “sfiducia“: la sicurezza che ci protegge dalla violenza si assicura con la “fiducia” nella repressione (DASPO) e con la liberalizzazione delle armi al privato.
Così la sicurezza di ciascuno diventa violenza, insicurezza: “sfiducia” verso gli altri.

Decretare sicurezza con la “fiducia” non è un buon metodo, come ci insegna la vita quotidiana, se non si comprendono le ragioni della violenza e non si interviene su di essa.

Volere per volere è violenza delle peggiori dai connotati fascisti e razzisti.
Il Parlamento è “sfiduciato” !

Se nella pratica politica il cittadino cede la “fiducia” è perché in fondo è esautorato dalla partecipazione.

Salvini festeggia: bestiale!

Tra le misure inserite nel decreto sono previste:
–  l’abrogazione della protezione umanitaria,
–  una forte riduzione del sistema SPRAR gestito dai Comuni,
–  l’espulsione per chi non ha il permesso di soggiorno come un automatismo,
–  i centri di detenzione CPR, una reclusione per l’identificazione fino a 180 giorni,
–  quelli che erano Centri straordinari, i CAS (Centri di Assistenza Straordinari), diventano una normalità riducendo l’accoglienza al minimo.

Insomma, anziché creare «sicurezza» sono destinati ad aumentare situazioni di illegalità.

Del tutto ignorata la Legge di iniziativa popolare «Ero straniero» (raccolte 90mila firme)  già depositata in Parlamento per superare la Bossi-Fini e istituire l’accoglienza diffusa, sul modello Sprar, con canali di ingresso regolari.
Quello che hanno approvato, invece, produrrà solo insicurezza.

Salvini: «La mia ambizione è lavorare nei prossimi mesi per una completa rivisitazione di tutte le norme che riguardano l’immigrazione»

Se questa è la premessa c’è da temere il peggio; roba da far tremare i polsi a quanti operano e credono nel diritto all’accoglienza e al diritto della cittadinanza.

Non possiamo più aspettare! E’ tempo di passare dalla resistenza alla organizzazione della disubbidienza civile.

E ORA SI VOTA LA FINANZIARIA

Un emendamento della Lega ha introdotto una tassa dell’1,5% al trasferimento dei soldi verso i Paesi extra Unione Europea ad esclusione delle transazioni commerciali.
Questo vuol dire tassare ulteriormente le rimesse dei lavoratori immigrati che rinunciano a parte del loro benessere per aiutare le famiglie lasciate al Paese.

Una discriminazione insopportabile!

In Italia il trasferimento dei soldi è tassato mediamente del 6,8% a questo si aggiunge un’ulteriore tassa dell’1,5%.
Questo è un incentivo ad aumentare ulteriormente le transazioni illegali.

Una grande porcata tutta italiana poiché le raccomandazioni del G20 è di unificare la tariffa al 5%, mentre la proposta dell’ONU è di ridurla al 3% entro il 2020.

Nel 2017 le rimesse dai migranti italiani sono state superiori ai 5 miliardi di euro. Sono aiuti “diretti”, senza intermediazioni verso Paesi dalle economie di sussistenza, aiuti che spesso superano gli impegni presi dai Governi per la Cooperazione e lo sviluppo.
C’è di che criticare la massiccia propaganda strumentale dell’ “Aiutiamoli a casa loro”.

TOBIN TAX

E’ importante ricordare le grandi lotte che il movimento internazionale ha fatto già negli anni ’80 perché venissero tassati gli enormi flussi finanziari, spesso altamente speculativi, che hanno avuto e hanno il potere di determinare la crisi di interi Paesi.
Dal 2012 diversi Paesi Europei applicano una tassa minima.

Oggi in Italia l’aliquota sulle transazioni finanziarie è stata ridotta allo 0,10%.
Mentre i risparmi da lavoro degli immigrati saranno tassati dello 1,5%

Se questa non è violenza razzista!

Nella memoria di una data contro la violenza sulle donne

Ogni anno in Italia oltre cento donne sono uccise da uomini, quasi sempre, da coloro che sostengono di amarle. Secondo i dati Istat, sono circa sette milioni le donne che, nel corso della propria vita, hanno subìto una forma di abuso.

Non esiste un profilo della donna-tipo che subisce violenza o dell’uomo-tipo che fa violenza. Sono stuprate e picchiate donne di tutte le età, condizione economica, sociale e culturale.

Gli uomini violenti appartengono a tutte le classi sociali e ostentano una maschera d’invincibilità e perfezione, un chiaro rimando all’idea di macho, eredità di una cultura patriarcale.  Per sua natura la donna è refrattaria alla lotta, alla guerra, perché incline a dare la vita, anziché toglierla.

Due gli elementi particolarmente importanti da mettere in evidenza: il primo riguarda il problema della relazione tra violenza e sessualità e, ancora prima, il desiderio di legame affettivo e sessuale; l’altro concerne diverse questioni come il possesso, il controllo e “l’altro come proprietà”.

Ne consegue il modo di concepire il rapporto con la donna come un oggetto esclusivamente legato all’affermazione di sé.
Oggi, infatti, a dominare è una società consumista che legittima ogni relazione come consumo: così è il rapporto con la donna divenuta oggetto, … un mercato in cui si concorre a fare shopping del femminile.

Si dice: «La donna è il bene più grande che abbiamo perché dà la vita». In questa affermazione la donna viene presentata come un bene, e non come un soggetto;  ed è proprio in quanto bene-merce è oggetto di scambio in un mercato di beni di consumo, fatto prevalentemente da maschi.

I modelli culturali proposti nel tempo dai media, hanno agito tanto sui ragazzi, quanto sulle ragazze che li portano a pensare che ci sia il bisogno di qualcuno, la forte mascolinità, che si fa carico della proprietà e qualcun altro invece, la donna, che deve in qualche modo diventare un possesso.

Al contempo oggi gli stessi media stanno mettendo in evidenza che, quello che tempo fa si pensava potesse fare soltanto l’uomo, alla fine può farlo anche una donna.

Questo cambio di paradigma del mito del maschio forte, superiore, viene sempre più a decadere e ciò rende la sua natura tendenzialmente insicura e violenta e la sessualità diventa l’ambito all’interno del quale confliggono le diverse consapevolezze dell’uomo e della donna, private della solidarietà necessaria a comprendersi.

Perchè Madre

#NoPillon: un attacco reazionario nei confronti delle madri e dei figli

Bella e partecipata la manifestazione a Milano in Piazza della Scala, contro il Ddl Pillon: “Norme in materia di affido minori“.

Alcune foto

Il Disegno di legge avanzato dal senatore Pillon, fa parte, come altri aspetti della politica di governo vedi il Decreto sicurezza,  di un disegno politico ormai chiaro e che ha evidenti riferimenti nella storia dell’Italia autoritaria e fascista.

Ieri in piazza non è scesa l’Italia che si oppone alla Lega e ai Cinque Stelle, ma l’Italia che ha a cuore le conquiste sociali degli ultimi cinquanta, sessanta anni: le conquiste normative per la tutela della donna, per il riconoscimento dei minori come soggetti di diritti e diritto, per la lotta alla violenza di genere, soprattutto quella che avviene in famiglia; conquiste che rischiano di essere smantellate da un disegno anacronistico ed oscurantista.

Questa è una proposta di legge contro le donne e contro i bambini, dopo gli attacchi alla 194, ora cercano di demolire il diritto di famiglia mettendo a rischio le mogli che subiscono violenza in casa e che vogliono separarsi“. Così, dal palco in piazza della Scala a Milano, ha parlato Manuela Ulivi, avvocata ed esponente della “Casa delle donne maltrattate”.

Il disegno di legge Pillon punta a mettere sullo stesso piano madri e padri, senza tenere conto delle situazioni singole, dei casi di maltrattamento, stabilendo per legge l’obbligo di ricorrere alla mediazione prima di separarsi, anche quando vi siano casi di maltrattamento in famiglia.

Non vogliamo uno Stato che decida della vita privata delle persone

Oltre all’obbligatorietà della “mediazione familiare” (a pagamento), una pratica che ha senso eventualmente solo se liberamente richiesta da entrambi i genitori; viene decretata la rigidità dei tempi paritari imposta ai figli minori nella relazione con i genitori separati; è previsto l’obbligo del mantenimento diretto dei figli da parte dei padri e delle madri: l’eliminazione dell’assegno di mantenimento, concepito in un modo che di fatto ignora la grave disparità tuttora vigente nelle concrete condizioni di vita e lavoro fra uomini e donne;

Creare una forte opposizione contro le ipotesi normative contenute nel disegno di legge Pillon in difesa dei diritti dei minori e delle donne.

Lottare per l’applicazione della legge 194 per combattere l’aborto clandestino e diffondere la prevenzione e la contraccezione.

Parole “sfida” alle Comunità

Da circa un mese in rete viene dato grande risaldo ad un breve discorso del re di Norvegia Harald V pronunciato durante una festa nel giardino del Palazzo Reale

Un discorso, appassionato, diretto al popolo (e ai popoli) circa i diritti degli omosessuali, dei migranti, dell’accoglienza, di rispetto per le altre religioni.
Il discorso è arrivato in un momento in cui in Norvegia stanno aumentando invece i casi di intolleranza e razzismo verso i migranti. 

Il re ha detto.

«Che cos’è la Norvegia?
….. Ma prima di tutto la Norvegia è la sua gente.

I norvegesi vengono dal nord della Norvegia, dalla Norvegia centrale, dal sud della Norvegia e da tutte le altri parti della Norvegia. I norvegesi sono immigrati da Afghanistan, Pakistan e Polonia, dalla Svezia, Somalia e Siria. Anche i miei nonni centodieci anni fa vennero qui emigrando dalla Danimarca e dall’Inghilterra.

Non è sempre facile dire da dove veniamo, a quale nazionalità apparteniamo.

Casa è dove sta il nostro cuore, e questo spesso non si trova all’interno dei confini di uno Stato.

I norvegesi sono giovani e anziani, alti e bassi, fisicamente abili e persone su sedie a rotelle.

Sempre più persone raggiungono cento anni di età.

I norvegesi sono ricchi, poveri e una via di mezzo. Ai norvegesi piacciono il calcio e la pallamano, l’alpinismo e la vela – mentre altri preferiscono rimanere sul divano.

Alcuni sono sicuri di sé, mentre altri fanno fatica a credere di essere all’altezza di se stessi.

I norvegesi lavorano nei negozi, negli ospedali, sulle piattaforme offshore.

I norvegesi lavorano per tenerci al sicuro e protetti, per tenere il nostro paese libero dall’inquinamento e per trovare nuove soluzioni per un futuro verde. I norvegesi coltivano la terra e pescano.

I norvegesi fanno ricerca e insegnano. I norvegesi sono giovani ed entusiasti – e persone anziane e sagge.

I norvegesi sono single, divorziati, famiglie con figli, e coppie sposati di lunga data.

I norvegesi sono ragazze che amano ragazze, ragazzi che amano ragazzi, e ragazzi e ragazze che si amano l’un l’altro.

I norvegesi credono in Dio, in Allah, in tutto e in nulla.

Ai norvegesi piacciono i musicisti Grieg e Kygo, Hellbillies e Kari Bremnes.

In altre parole, tu sei la Norvegia, noi siamo la Norvegia.

Quando cantiamo “Ja, vi elsker dette landet” (“Si, amiamo questo paese” – l’inno nazionale norvegese), dobbiamo ricordarci che l’inno parla di tutti noi. Perché noi siamo questo Paese. Quindi, il nostro inno nazionale è anche una dichiarazione d’amore per il popolo norvegese.

La mia più grande speranza è che saremo in grado di prenderci cura l’uno dell’altro.

Che noi continuiamo a costruire questo paese basandolo sui valori della fiducia, della comunità e della generosità. Che noi siamo consapevoli di essere un solo popolo, nonostante ogni differenza tra noi.

Che la Norvegia è una.»

1 Settembre 2016

Il canto di dolore in fuga dalla Libia

Tesfalidet Tesfom è morto il giorno dopo il suo sbarco a Pozzallo del 12 marzo 2018 dalla nave Proactiva della ong spagnola Open Arms. Ha lottato tra la vita e la morte all’ospedale maggiore di Modica, e nel suo portafogli sono state ritrovate due poesie scritte di suo pugno nella sua lingua madre: il tigrino.

Tesfalidet, detto Segen, scappava dalla leva obbligatoria e senza fine della dittatura eritrea. Ha attraversato la Libia e lì, nel centro di detenzione di Bani-Walid, ha cominciato a morire.
Amici sopravvissuti hanno raccontato di violenze, dell’impossibilità di lavarsi e della scarsità di cibo.

E’ morto perché denutrito e malato di tubercolosi in stato avanzato.
La sua storia racconta tutto quello che dobbiamo sapere sulle ipocrisie delle politiche migratorie italiane ed europee.

Una delle due poesie.

Non ti allarmare fratello mio

Non ti allarmare fratello mio, dimmi, non sono forse tuo fratello?
Perché non chiedi notizie di me?
È davvero così bello vivere da soli,
se dimentichi tuo fratello al momento del bisogno?
Cerco vostre notizie e mi sento soffocare
non riesco a fare neanche chiamate perse,
chiedo aiuto,
la vita con i suoi problemi provvisori
mi pesa troppo.
Ti prego fratello, prova a comprendermi,
chiedo a te perché sei mio fratello,
ti prego aiutami,
perché non chiedi notizie di me, non sono forse tuo fratello?
Nessuno mi aiuta,
e neanche mi consola,
si può essere provati dalla difficoltà,
ma dimenticarsi del proprio fratello non fa onore,
il tempo vola con i suoi rimpianti,
io non ti odio,
ma è sempre meglio avere un fratello.
No, non dirmi che hai scelto la solitudine,
se esisti e perché ci sei con le tue false promesse,
mentre io ti cerco sempre,
saresti stato così crudele se fossimo stati figli dello stesso sangue?
Ora non ho nulla,
perché in questa vita nulla ho trovato,
se porto pazienza non significa che sono sazio
perché chiunque avrà la sua ricompensa,
io e te fratello ne usciremo vittoriosi affidandoci a Dio.


Tesfalidet Tesfom a bordo della OpenArms

 

No Glifosato in Lombardia

Alla fine del 2017, nonostante 1.300.000 firme raccolte contro, la Commissione europea ha prorogato l’utilizzo del glifosato per altri 5 anni.

Questo pesticida è uno dei più diffusi nel mondo, è fondamentale nelle produzioni di soia Ogm ed è anche trai più venduti in Italia, dove viene largamente impiegato sia in agricoltura che in altri ambiti.

Per lo IARC (Agenzia Internazionale Ricerca sul Cancro) si tratta di un probabile cancerogeno ed esistono forti evidenze di effetti come “distruttore endocrino”.

Il PAN (Piano utilizzo fitofarmaci) in vigore dal 2014,  raccomanda di privilegiare metodi non chimici in agricoltura.

Il Decreto Interministeriale del 10/3/15 raccomanda a sua volta di individuare misure per la riduzione dei rischi derivanti dall’uso dei prodotti fitosanitari, ai fini della tutela dell’ambiente acquatico, dell’acqua potabile e della biodiversità, attraverso la loro limitazione-sostituzione-eliminazione.

In Lombardia vengono monitorati da parecchi anni il glifosato e il suo metabolita AMPA nelle acqua superficiali e profonde dall’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente, che li ha rinvenuti con elevata frequenza.

Tra i provvedimenti adottati in Regione:

  • divieto d’uso nei parchi aperti al pubblico e negli ambiti sanitari
  • riduzione progressiva negli anni dell’impiego in agricoltura, escludendo da questa riduzione le aziende che aderiscono ai programmi di agricoltura conservativa (cosiddetta agricoltura blu)

NESSUNO è risolutivo.

RECENTEMENTE hanno richiamato l’ATTENZIONE due fatti:

  • il rapporto dell’Istituto Superiore per la Ricerca e la Protezione Ambientale (ISPRA) del 2018 sullo stato delle acque
  • la sentenza della Corte della California l’estate scorsa

Nel Rapporto ISPRA si documenta che nelle acque il glifosato e il suo metabolita sono i composti che presentano il maggior numero di casi di superamento dei limiti, con una concentrazione di criticità lungo l’intera pianura Padana.

La sentenza della Corte della California ha condannato Monsanto (ora Bayer), produttrice del glifosato, a risarcire con una ingente somma un giardiniere malato terminale di tumore che usava erbicidi a base di glifosato, per non averlo informato sui rischi di questo prodotto.

In Italia è attiva da anni la Gampagna Stop Glifosato portata avanti da molte associazioni ambientaliste e di difesa della salute umana: ora riteniamo che sulla base dei nuovi eventi sopra riportati, sia il momento per un rilancio delle iniziative.

Basandoci sul presupposto che per il rispetto dell’ambiente e della vita in tutte le sue forme, debbano sempre prevalere i principi di prevenzione e precauzione su ogni altro interesse, proponiamo di inoltrare pubblicamente una istanza alla Regione Lombardia, alla Città metropolitana e al Comune di Milano perché estendano nell’immediato il divieto di utilizzo del glifosato in ogni ambito e sospendano i sussidi economici a coloro che ne fanno uso dirottando le risorse verso chi utilizza metodi per il controllo delle erbe infestanti che non si basano sull’impiego di sostanze chimiche di sintesi.

Comitato milanese Acqua Pubblica.

Vi voglio raccontare una storia

una bella storia: la nostra presenza alla Sagra di Baggio.

Abbiamo sempre ritenuto la Sagra di Baggio un momento importante di visibilità e di rappresentazione di contenuti che sono propri dell’attività della nostra associazione.

Ci siamo premurati anzitutto di raccontare le verità sul tema dei migranti in particolare per sfatare la “grande invasione” che l’Italia starebbe subendo.

Vedi: Quale invasione

Cercando di spiegare come accoglienza e umanità siano un Bene comune.

Abbiamo posto particolare accento alla Questione Femminile: sul diritto delle donne ad essere protagoniste delle battaglie politiche e del diritto alla Vita nelle sue diverse declinazioni denunciando la violenza che le donne subiscono in particolare quando vengono considerate “proprietà privata“.

Vedi poster: Donne

Un altro aspetto importante che abbiamo rappresentato con grande efficacia, vista l’attenzione delle persone, è stato il tema del “riciclo e le buone pratiche di raccolta differenziata” suggerito dal Municipio 7: tema che ci è caro in particolare per le stesse pratiche del Gruppo di Acquisto Solidale presente nell’Associazione Dimensioni Diverse.

Vedi: Il mio balcone ecologico

Vol_Quando la plastica genera morte

Vedi alcune foto

Questa é la nostra storia
che ci ha visti presenti alla 390° Sagra di Baggio.

—————–

La “bella storia” racconta anche un’altra realtà che ci pare giusto raccontare perché ci compete, compete a tutti.

Ci sono momenti in cui la Sagra appare come un “NON LUOGO“: fiumane di gente che si trascina lungo la via, spinta in avanti da chi la segue, impossibilitata a ricercare un possibile sguardo amico, distratta da una grande apatia, di ciò che appare loro come una diversità altra.

Noi che vogliamo essere uno sguardo vivo, che crediamo al richiamo di una diversità possibile, ad una umanità attiva e solidale, quei volti distratti dall’indifferenza ci apparivano stranieri anche se dello stesso colore della pelle.

Avanti, sempre più avanti, trascinati via verso un dove che non pare esistere.

Distratti, sempre più alienati, indifferenti ad un destino omologante e precario.

Non sappiamo, non ci è dato sapere, cosa ha spinto la Giunta del Municipio 7 a chiedere alle Associazioni di rappresentare il tema del riciclo e neppure se lo animasse qualche idea di politica in merito.

Quello che sappiamo è la politica dell’Amministrazione in merito al “riuso” (sinonimo di “riciclo” dell’area verde ex Piazza d’Armi ed in particolare degli ex Magazzini annessi che hanno deciso di abbattere.

Vedi: Vol_Questo lo dovete sapere

Così come sappiamo della politica di Governo in merito ai “respingimenti” (sinonimo di smaltimenti) dei migranti raccolti nel mare Mediterraneo verso la Libia, vero inferno di morte: atroce indifferenza.

Sono tristi esempi di modi diversi di “riciclare” Beni pubblici, bellezze naturali e disprezzo di umanità e di vite umane: i respingimenti verso la Libia hanno superato per numero gli immigrati arrivati in Italia.

Il “riciclo” non è solo un risparmio, presuppone una diversa sensibilità personale dell’agire politico, un concetto di  sostenibilità responsabile anzitutto per la Vita delle persone oltre che per le cose che possono salvaguardare ricchezze della Natura e le sue bellezze.

Per questo la “storia” della Sagra si presta alla Memoria resistente.

Alla fine della giornata folate di forte vento scuotevano gli alberi e le vecchie foglie cadevano segnando l’inizio della nuova stagione.

« Older Entries