Category Archives: Scuola di Italiano

GLI AVVERBI

Gli avverbi sono una parte invariabile del discorso che precisa maggiormente la caratteristica dell’elemento della frase (o discorso) a cui si riferisce.

Gli avverbi hanno una doppia funzione:
1. Modificano il significato di una comunicazione:
Ho dormito bene      ←  il significato è opposto →          Ho dormito male

2. Determinano (Specificano) una caratteristica:
troppo
profondamente
Ho dormito   →  qui
solo ieri

Sono INVARIABILI, non cambiano come gli aggettivi:
la penna rossa         la penna scrive bene
il pallone rosso        il pallone rotola velocemente

! Come suggerito già dal nome gli avverbi ( ad + verbi) si trovano molto spesso vicino ai verbi, MA possiamo trovarli anche vicino ad altri elementi della frase:
aggettivo  →    sono molto felice
nome       →    a cena ho bevuto solo acqua
avverbio   →    questa mattina mi sono svegliato abbastanza presto

 

  • LE FUNZIONI DEGLI AVVERBI

Ci sono molti tipi di avverbi, a seconda della loro funzione e del loro significato.
I principali sono:

Avverbi di MODO   →   indicano COME un’azione viene fatta:

es:  La lezione di Italiano è andata bene
Omar impara velocemente
La camicia è stata stirata in malo modo

Avverbi di TEMPO  → indicano QUANDO avviene l’azione

es:       Vi vorrò sempre bene
Spesso mangio la pasta
Raramente mangio le verdure

Avverbi di LUOGO →   indicano DOVE avviene l’azione

es:       Vieni subito qui!
Io abito vicino alla scuola, ma altri studenti abitano lontano

Avverbi di QUANTITA’ →    indicano QUANTO viene espresso dal verbo

es:       Christian è troppo pigro
Ti piace la torta? Sì, ne vorrei di più

 

  • COME SI FORMANO GLI AVVERBI

Come abbiamo visto negli esempi gli avverbi possono essere:

1.      degli aggettivi  →       bene, male, vicino, lontano

2.      delle espressioni formate da più parole à   →     di più, in malo modo

3.      parole che finiscono con –mente  (solo gli avverbi di modo) →  velocemente

 

! Prendiamo ad esempio vicino. Può essere sia aggettivo che avverbio. Dipende da dov’è posizionato all’interno della frase.

Passa la palla al tuo compagno vicino.    →   aggettivo, perché è accanto ad un nome
Il treno passa vicino alla stazione.    →   avverbio, perché è accanto ad un verbo

·         Gli avverbi che finiscono con –mente

aggettivo  FACILE   →   tolgo la E finale e aggiungo MENTE     →         FACILMENTE

aggettivo ALLEGRO  →   al femminile ALLEGRA à + MENTE     →          ALLEGRAMENTE

aggettivo LEGGERO →   tolgo la O finale e aggiungo MENTE    →          LEGGERMENTE

 

 

 

Il Verbo

un’azione:    Gianni gioca con la palla

un evento:    ieri ha piovuto tutto il giorno

un modo di essere:   Gianni è simpatico

vengono espressi con il VERBO

 

  • Com’è fatto

Il verbo è composto da una RADICE (che non cambia mai) e da una DESINENZA (che cambia sempre).

Vediamo qualche esempio partendo dalla forma all’Infinito dei verbi:
Es:  PARLARE –>   PARL    +   ARE
(radice)     (desinenza)

LEGGERE –>   LEGG   +    ERE
(radice)     (desinenza)

DORMIRE –>   DORM  +   IRE
(radice)     (desinenza)

Come si vede dagli esempi, le desinenze possono iniziare con 3 vocali diverse.
Per questo in italiano i verbi si dividono in 3 coniugazioni, a seconda della desinenza del verbo all’infinito

1° coniugazione: tutti i verbi che finiscono in  –ARE      parlARE,    mangiARE,   suonARE,…

2° coniugazione: tutti i verbi che finiscono in  –ERE      leggERE,   corrERE,   mettERE, ….

3° coniugazione: tutti i verbi che finiscono in   –IRE      sentIRE,   venIRE,    finIRE,….

La Radice ci dice l’azione, la Desinenza ci dice chi sta compiendo l’azione

Es: Parlare al tempo presente del modo Indicativo

Azione Chi compie l’azione Persona numero
PARLO IO 1° Persona Singolare (Uno)
PARLI TU 2°  Persona Singolare (Uno)
PARLA LUI/LEI 3° Persona Singolare (Uno)
PARLIAMO NOI 1° Persona Plurale (Tanti)
PARLATE VOI 2° Persona Plurale (Tanti)
PARLANO LORO 3° Persona Plurale (Tanti)

Gli Articoli

Gli articoli stanno sempre vicini ai nomi e si dividono in:

immagine da maestro-cris.webnode.it

  • mangiare UNA torta   (qualsiasi)     mangiare LA torta al cioccolato (particolare)
  • fare UN disegno        (qualsiasi)      fare IL disegno della casa         (particolare)

 

  • parlare con UN’amica                     parlare con UN amico

se il nome è femminile allora si usa l’apostrofo

! solo gli articoli DETERMINATIVI hanno la forma plurale:

  • mangiare LE torte al cioccolato
  • parlare con GLI amici
  • fare I disegni della casa

 

gli articoli NON si usano:

con nomi propri di persona    Laura passeggia con il cane
con nomi di città                   Genova è una città sul mare
con i nomi di parentela          sono andata al mercato con mia madre

 

immagine trovata su http://maestro-cris.webnode.it/

Salva

Salva

Salva

Le lettere dell’Alfabeto

LE LETTERE DELL’ALFABETO

L’alfabeto italiano è composto da 16 CONSONANTI E 5 VOCALI

A a       (a)                                                       M m      (emme)

B b       (bi)                                                      N n         (enne)

C c        (ci)                                                      O o         (o)

D d       (di)                                                      P p         (pi)

E e       (e)                                                       Q q         (qu)

F f        (effe)                                                   R r          (erre)

G g       (gi)                                                      S s          (esse)

H h       (acca)                                                  T t           (ti)

I i         (i)                                                        U u         (u)

L l        (elle)                                                    V v         (vi)

Z z          (zeta)

 

E 5 altre lettere di origine straniera che hanno la stessa funzione delle CONSONANTI:

J J           (gei)

K k          (cappa)

W w      (vu doppia)

X x          (ics)

Y Y         (ipsilon)

 

Le CONSONANTI  e le VOCALI si uniscono e formano le SILLABE:

immagine da forofantasiasmiguel.com

 

 

Salva

Salva