Diritti per le persone, regole per le multinazionali – STOP all’ISDS

Una petizione in tutta Europa e un nuovo Rapporto di denuncia per affermare che i diritti, e la democrazia valgano di più di interessi imposti dalle grandi imprese

ISDS è una sigla che sta per Investor-State-Dispute-Settlement, che si propone di gestire le controversie tra investitore e Stato.

Un organo di arbitrato internazionale al di fuori delle regole giudicanti dei tribunali normali che si applicano nelle procedure penali o civili – chiamato a decidere sulle controversie fra “investitori privati” e gli Stati, previsto in molti trattati commerciali.

Le aziende denunciano gli Stati

Uno Stato che ha deliberato una norma a protezione di un bene come l’acqua o di tutela ambientale che si oppone o limita l’intervento speculativo di una multinazionale: quest’ultima potrà accusare lo Stato di intralciare il libero mercato e trascinare il suo Governo davanti a questo speciale “tribunale privato”.

Sono spesso richieste di indennizzo miliardarie contro regole che vengono additate dalle grandi aziende come lesive dei propri profitti, oltre a cause molto costose.

Inoltre le dinamiche di questi “processi” sono poco trasparenti basti pensare che le decisioni vengono prese a porte chiuse e in molti casi non esiste neppure la possibilità di ricorrere in appello.

Il ricorso all’ISDS da parte delle multinazionali è un deterrente per la difesa dei diritti dei cittadini: quello che accade infatti è che lo Stato, messo di fronte a richieste multimilionarie, abbia paura dell’esito della causa e rinunci in partenza a porre dei limiti al profitto dei privati.

Su 195 cause ISDS concluse negli ultimi trent’anni dimostrano che in tutto il mondo gli Stati hanno dovuto pagare 84,4 miliardi di dollari alle imprese private a seguito di sentenze sfavorevoli (67,5 miliardi) o costosi patteggiamenti (16,9 miliardi).
Si tratta di denaro pubblico, potenzialmente sottratto a politiche sociali, ambientali, salariali.

LA PETIZIONE

Il 22 gennaio 2019, in occasione del World Economic Forum (WEF) di Davos, una rete di oltre 150 organizzazioni della società civile, sindacati e movimenti, lanciano la petizione internazionale STOP ISDS in 16 Stati membri dell’UE, chiedendo alle istituzioni e ai governi europei lo stralcio delle clausole arbitrali da tutti gli accordi commerciali e di investimento in vigore e in fase di trattativa.

Aggiungi la tua firma a questa Iniziativa europea

Al presidente della Commissione europea, alla presidenza del Consiglio UE, ai rappresentanti dei Paesi membri e ai Membri del Parlamento europeo.

FIRMA LA PETIZIONE

Il nuovo Rapporto “Diritti per le persone, regole per le multinazionali”, redatto da Francesco Panié e Alberto Zoratti e scaricabile a questo link,