Disarmo nucleare

Disarmo-nucleare

Disarmo-nucleareLa buona novella di Ginevra diffusa da Palermo. La più importante conquista del pacifismo mondiale nel dopoguerra è in dirittura d’arrivo lanciata dal gruppo di lavoro ONU di Ginevra sul disarmo nucleare.

Gli Stati non nucleari hanno lanciato il cuore oltre l’ostacolo ed il 19 agosto hanno deciso che, essendo maggioranza, l’ONU dovrà, con un Trattato, persino con le potenze nucleari in disaccordo, dichiarare fuori legge le armi nucleari, così come ha già fatto con le armi chimiche e biologiche.

Il Trattato aprirà la strada a negoziati per una Convenzione che elimini effettivamente gli ordigni atomici: si può bene capire che negoziare per distruggere armi dichiarate “criminali” è ben altra cosa che farlo per armi “legalizzate” dal TNP, anche se in via provvisoria!

(Per approfondire l’argomento si veda l’articolo di Luigi Mosca apparso sul sito di “Massa Critica” http://www.massacritica.eu//?s=luigi+Mosca&x=7&y=6)

La “buona novella” per la sopravvivenza di tutta l’Umanità sarà annunciata in Italia durante il convegno del 23 settembre a Palermo nel quale i nonviolenti avanzeranno le loro proposte su “Pace, difesa e sicurezza nel Mediterraneo”.

(Vai su: https://propostanonviolenta.wordpress.com).

Considerato che la grande stampa non ha dedicato ad essa – la buona novella della messa al bando giuridica delle armi nucleari – un rigo, a nostro avviso, vale la pena seguire il convegno non foss’altro che per questo motivo.

Ma la discussione si impegnerà anche ad avanzare nuove proposte sulla difesa nonviolenta, che, per quanto riguarda in particolare ambasciate di pace e corpi civili di pace – e per quanto ci riguarda – non nascono da semplici sogni accademici, o dalla progettazione “pacifista” sul servizio civile, ma dalle rischiose ed esemplari esperienze della Casa per la Pace a Bagdad (1990-1991) e dall’Ambasciata di Pace a Pristina (1995-1997), eredi della Resistenza nonviolenta di Comiso.

La proposta nonviolenta per la sicurezza nel Mediterraneo è basata sulla cooperazione nella conversione energetica ed ecologica (a partire dall’attuazione degli accordi sul clima di Parigi); per la difesa è basata sulla forza dell’unione popolare, che ricerca la pace per la via della pace.

Alfonso Navarra