Grande è la confusione sotto il cielo della politica sanitaria lombarda.

Questa-riforma

Questa-riformaTanta ed evidente è l’incompetenza e l’inadeguatezza di responsabilità dei politici mostrata nel diritto alla Salute Pubblica, che hanno trovato normale trasformare i malati cronici (oltre 3.350.000) da pazienti in clienti di “gestori” privati demandati alle loro cure.

Nessuna delle forze di opposizione presenti nel Consiglio Regionale ha mosso critiche o si è opposta alle delibere della Giunta Lombarda.

Appare sconcertante l’incapacità del politico di governare il diritto alla salute in quanto Bene Pubblico, fondamentale per la vita.

Ne sono conseguenti la disorganizzazione, gli sprechi, le logiche spartitorie delle poltrone,…, che hanno prodotto e producono disfunzioni, malcontenti, … oltre a perdite economiche che diventano l’alibi per delegare, affidare la gestione pubblica della salute a “gestori” privati e ai loro guadagni.

La salute non è una merce.

L’assemblea di ieri sera, 13 febbraio, come quella del 23 novembre dello scorso anno, in Biblioteca a Baggio, ha visto grande interesse circa il processo di riforma della sanità lombarda, la quale appare sempre più priva di “politica“, oltre che di buon senso, tanto si presenta confusa, imprecisa rispetto alle necessità dei pazienti, mentre appare chiaro e determinato l’indirizzo teso alla privatizzazione del Servizio Sanitario Lombardo.

Quando non è la “politica” a produrre la riforma:
la riforma non è “politica”.

Di questo abbiamo parlato ieri sera alla Biblioteca di Baggio in una assemblea molto partecipata e attenta.
Presenti Alessandro Braga, conduttore della trasmissione sulla salute a Radio Popolare “37e2” e il dottor Maurizio Bardi, medico di base e di Medicina Democratica.

La “colossale disattenzione” dell’opposizione al Consiglio Regionale è stata la prima osservazione critica fatta circa le responsabilità attinenti alle delibere emanate dalla Giunta Lombarda in merito alle cure sanitarie dei malati cronici e del mancato rapporto con la dimensione “Socio-Sanitaria” territoriale.

Nel merito il dott. Maurizio Bardi, utilizzando delle slide –Slide – Riforma Sanitaria lombarda– ha illustrato e spiegato le ragioni e le criticità di una riforma confusa e imprecisa che rischia di proporsi come modello anche per altre Regioni, oltre alle conseguenze che potrebbero ricadere sul futuro del Medico di Base.