Il diritto della Memoria

27 gennaio 2019 è il “Giorno della Memoria”
una giornata internazionale per ricordare
la Shoah e l’Olocausto

Di quella memoria si è fatto un ricordo esclusivo.

Anche la nostra Memoria è un fatto esclusivo:  l’interesse personale.

DALLA MEMORIA ALLA LIBERAZIONE
DALLA LIBERAZIONE ALLA MEMORIA

…. nei campi di guerra tra i popoli e le nazioni
…. nei privati interessi lo sfruttamento di ricchezze e di lavoro
…. tra le grandi distruzioni e le miserie delle povert
…. nell’arroganza del potere e la violenza della precarietà

la Memoria ha perso il suo significato proprio
“RESISTENZA E LIBERAZIONE”

Noi ce lo diciamo anche attraverso la visione di un film interessante che può stimolare nuovi pensieri.

“Il figlio dell’altra”  – di Lorraine Lévy.

—————–

A scuola di italiano per migranti si parla di Memoria

Per loro la Memoria è consapevolezza della dignità umana: il diritto alla Vita.
Per loro la Memoria è l’energia che li ha spinti ad un cammino: verso un altrove infinito.
Per loro la Memoria è la carica di speranza per la quale hanno lasciato tutto e tutti.
Per loro la Memoria ha visto negli occhi la sofferenza e la morte.
Per loro la Memoria libera responsabilità verso la Vita patrimonio dell’umanità.

Oggi si studia la Memoria comparata alla realtà che non la comprende.
La loro Memoria confonde la nostra arroganza dell’interesse privato sul Bene Comune.

Oggi le prerogative e le prospettive economiche e politiche del nuovo Paese riducono la loro Memoria a semplice ricordo ed è una grande sofferenza per una umanità dispersa ed una dignità repressa dall’odio razzista.

Il diritto alla differenza.

Nelle città le differenze sono anime della ragione sociale capaci di comporre sia l’accoglienza che la violenza: come razzismo e fascismo sono facce della stessa medaglia.

Migrare per non rimanere stranieri a sé stessi