#NoPillon: un attacco reazionario nei confronti delle madri e dei figli

Bella e partecipata la manifestazione a Milano in Piazza della Scala, contro il Ddl Pillon: “Norme in materia di affido minori“.

Alcune foto

Il Disegno di legge avanzato dal senatore Pillon, fa parte, come altri aspetti della politica di governo vedi il Decreto sicurezza,  di un disegno politico ormai chiaro e che ha evidenti riferimenti nella storia dell’Italia autoritaria e fascista.

Ieri in piazza non è scesa l’Italia che si oppone alla Lega e ai Cinque Stelle, ma l’Italia che ha a cuore le conquiste sociali degli ultimi cinquanta, sessanta anni: le conquiste normative per la tutela della donna, per il riconoscimento dei minori come soggetti di diritti e diritto, per la lotta alla violenza di genere, soprattutto quella che avviene in famiglia; conquiste che rischiano di essere smantellate da un disegno anacronistico ed oscurantista.

Questa è una proposta di legge contro le donne e contro i bambini, dopo gli attacchi alla 194, ora cercano di demolire il diritto di famiglia mettendo a rischio le mogli che subiscono violenza in casa e che vogliono separarsi“. Così, dal palco in piazza della Scala a Milano, ha parlato Manuela Ulivi, avvocata ed esponente della “Casa delle donne maltrattate”.

Il disegno di legge Pillon punta a mettere sullo stesso piano madri e padri, senza tenere conto delle situazioni singole, dei casi di maltrattamento, stabilendo per legge l’obbligo di ricorrere alla mediazione prima di separarsi, anche quando vi siano casi di maltrattamento in famiglia.

Non vogliamo uno Stato che decida della vita privata delle persone

Oltre all’obbligatorietà della “mediazione familiare” (a pagamento), una pratica che ha senso eventualmente solo se liberamente richiesta da entrambi i genitori; viene decretata la rigidità dei tempi paritari imposta ai figli minori nella relazione con i genitori separati; è previsto l’obbligo del mantenimento diretto dei figli da parte dei padri e delle madri: l’eliminazione dell’assegno di mantenimento, concepito in un modo che di fatto ignora la grave disparità tuttora vigente nelle concrete condizioni di vita e lavoro fra uomini e donne;

Creare una forte opposizione contro le ipotesi normative contenute nel disegno di legge Pillon in difesa dei diritti dei minori e delle donne.

Lottare per l’applicazione della legge 194 per combattere l’aborto clandestino e diffondere la prevenzione e la contraccezione.