Category Archives: InEvidenza

22 aprile «Giornata della Terra»

Dedicare ad una ricorrenza, l’importanza che la Terra ha per la vita può essere utile ma sicuramente non sufficiente per fare Tesoro della sua fondamentale importanza.

Di fronte al saccheggio che costantemente la Terra, in ogni suo ambito (dalle sue risorse alle sue bellezze), subisce da parte degli umani non possiamo tacere e accettare che simili azioni devastanti rimangano impuniti e continuino a persistere.

L’umano interagisce con la Natura – Terra Madre – in modo del tutto parassitario: prende senza nulla dare.

Ancora peggio, il suo è un atteggiamento opportunista, ancorché indifferente, perchè misura sé stesso, i propri bisogni, il proprio corpo in modo totalizzante, noncurante della vita della Madre alla quale non è concesso neppure il tempo per rigenerarsi.

Ogni anno la sua vita diventa sempre più breve (vedi: http://www.dimensionidiverse.it/la-nostra-impronta/)

Ora, da umano a umano, la domanda, forse un po’ banale: quanto grande e duraturo è l’amore, l’attenzione per la propria madre?

Forse che a trenta, cinquant’anni la si abbandona al proprio destino … di morte?

Allora, come non comprendere che ogni forma di bene ci viene concesso dalla Madre Terra come «dono» per non riconoscerLe rispetto, deferenza, a partire dal delimitare le proprie necessità al bisogno?

Soprattutto non è più tempo di critiche, lamentele ma è tempo  di agire intervenendo verso ogni abusivismo come si farebbe verso la propria madre naturale quando la si vede offesa.

C’è un gran bisogno di nuova saggezza e nessuno può dire “io non centro” poichè più che la volontà personale c’è un’economia e la sua politica di appartenenza che impone l’abusivismo, lo sfruttamento insensate, solo per “godere” del privato interesse, del bene esclusivo, per sè.

Anche di fronte alla palese arroganza delle devastazioni e dello sfruttamento economico che si ritorce sull’intera umanità in termini di inquinamento, disatri ambientali, depauperamento di terre, … si raccolgono dati, si promuovono analisi, si esprimono critiche, ma non si scatenano lotte rivoluzionarie, indispensabili per ristabilire l’ordine naturale dell’esistenza della Terra Madre, la quale ha già perso 5 mesi della sua vita rigeneratrice.

Ed è anche la terra del padrone che non accoglie neppure chi per lui la lavora.
Fuori dal campo, nella vergogna del ghetto, c’è l’umano che non gli è riconosciuto il diritto della dignità per vivere.

Come è possible continuare a tollerare tutto questo?

In realtà il probblema è che dopo aver osservato l’abominio, espresso disgusto, spesso lo sguardo, l’attenzione si ritrae su sé stessi, alle necessità rese indispensabili, alle comodità che riteniamo irrinunciabili per la propria vita.

E’ anche ora di credere che il diritto alla vita su questo pianeta non è solo degli umani, i quali hanno anche il dovere del domani, per le prossime generazioni come vanno manifestando da oltre un anno i giorvani  #FridaysForFuture – Vedi: Due crisi una soluzione.

——————
L’Associazione Dimensioni Diverse vuole mantenere fede al proprio impegno e abbiamo pensato di offrirti uno sguardo sul nostro Pianeta Terra.

Vedi anche su facebook: 50mo Giorno della Terra

 

Giornate globali di azione sulle Spese militari 2020

ASSISTENZA SANITARIA
NON SISTEMA DI GUERRA

La crisi pandemica COVID-19 ha mostrato al mondo quali dovrebbero essere le priorità dell’umanità. Questo grave attacco alla sicurezza delle persone in tutto il mondo rende vergognose le spese militari globali e dimostra che sono uno spreco oltraggioso e una perdita di opportunità. Ciò di cui il mondo ha bisogno ora è di concentrare tutti i mezzi a disposizione sulle minacce fondamentali alla sicurezza: condizioni di vita sane per tutti, che derivano necessariamente da società più giuste, verdi e pacifiche.

Dal 10 Aprile – 9 Maggio si manifestano le Giornate Globali di Azione sulle Spese Militari (Global Days of Action on Military Spending – GDAMS) per il 2020 intendono attirare l’attenzione sul grande costo-opportunità degli attuali livelli di spesa militare: 1.820 miliardi di dollari all’anni, quasi 5 miliardi di dollari al giorno, 239 dollari a persona.

Quando una minoranza della popolazione globale decide di finanziare preparativi di guerra perdiamo tutti l’opportunità di finanziare politiche che affrontano le nostre reali minacce alla sicurezza.

Le strutture militari non possono fermare questa pandemia, e non lo faranno.

Questa crisi può essere affrontata solo sostenendo l’assistenza sanitaria e le altre attività di sostegno alla vita, non con attrezzature militari e personale preparato per la guerra.

Il fatto che le risorse militari vengano impiegate durante questa crisi può essere profondamente fuorviante: non giustifica i loro budget gonfiati, né significa che stanno risolvendo questa crisi.

Mostra piuttosto il contrario: abbiamo bisogno di meno soldati, cacciabombardieri, carri armati e portaerei e più medici, ambulanze e ospedali.

Per decenni ci siamo sbagliati sulle nostre reali priorità, è dunque giunto il tempo di (ri)considerare come la spesa militare si sia presa un’enorme quantità di risorse pubbliche per fornire una falsa nozione di sicurezza che non ha nulla a che fare con le esigenze e i diritti delle persone in materia di assistenza sanitaria, istruzione e alloggio, per citare solo alcuni tra i servizi sociali essenziali.

È tempo di spostare il bilancio militare verso i veri bisogni umani.

Importanti riduzioni nelle spese militari libererebbero risorse non solo per fornire assistenza sanitaria universale, ma anche per far fronte alle emergenze climatiche e umanitarie che anche ogni anno uccidono migliaia di persone, specialmente nei paesi del Sud del mondo che stanno subendo le peggiori conseguenze di un modello economico che è stato loro imposto.

Trasferire risorse per finanziare assistenza sanitaria per tutti, azioni di mitigazione degli impatti climatici e aiuti umanitari contribuirebbero a impedire che ciò accada di nuovo e salvare le comunità più colpite.

Queste risorse potrebbero certamente provenire dai bilanci militari, cui è stata data precedenza dai decisori politici per decenni.

Dobbiamo garantire che una crisi sanitaria così grave non si ripeta.

A questo scopo dobbiamo ripensare la politica internazionale, riconsiderare le reali minacce alla nostra sicurezza e fornire ai servizi di protezione civile pubblici tutti i finanziamenti di cui hanno bisogno per funzionare correttamente.

Dobbiamo anche garantire che questa crisi non venga pagata dai più vulnerabili, come è accaduto molte volte in precedenza.

La riallocazione dei bilanci della difesa contribuirebbe a finanziare una transizione davvero e con ogni evidenza necessaria verso società ed economie più pacifiche, giuste e sostenibili.

 

Durante le GDAMS 2020 (dal 10 aprile al 9 maggio 2020) ci mobiliteremo insieme, da Seul a Toronto e da Sydney a Buenos Aires, dall’Italia al mondo per chiedere importanti riduzioni della spesa militare al fine di finanziare misure urgenti per affrontare la pandemia di Covid-19 e fornire sicurezza umana a tutti.

Agisci anche tu per chiedere ai Governo di spostare fondi dalle strutture militari alla salute, dalla guerra alla Pace: unisciti alle azioni GDAMS 2020!

 

                                                     

                             www.demilitarize.org                www.disarmo.org

Se il clima cambia, la salute peggiora

Le grandi manifestazioni giovanili e non solo dei FridaysForFuture hanno scuramente fatto crescere, anche in Italia,  la consapevolezza degli impatti negativi che i cambiamenti climatici hanno sulla salute umana, ma anche della inadeguatezza delle politiche in atto.

Agenzia Europea per l’Ambiente: Italia prima per numero di morti per biossido di azoto

Il rapporto sulla qualità dell’aria, diffuso dall’Agenzia Europea per l’Ambiente, contiene al suo interno numeri allarmanti per l’Italia.

Il nostro Paese è il primo in Europa per morti premature da biossido di azoto (NO2) con circa 14.600 vittime all’anno.
Non solo, la Penisola ha il valore più alto di decessi per ozono (O3) 3.000 e il secondo per il particolato fine PM2,5 (58.600).

Città come Milano, territori come la Lombardia, in particolar modo la Pianura Padana, violano sistematicamente i limiti relativi ai tre principali agenti inquinanti.

Oltre due milioni di italiani vivono quotidianamente respirando l’aria che un domani potrebbe costar loro la salute.

Un’emergenza per fronteggiare la quale, in Regione Lombardia non si sta facendo abbastanza.

Numeri alla mano i protocolli promossi da Regione si sono rivelati inutili e inefficaci.
Basti pensare che quest’anno a Milano la soglia di 35 giorni di superamento annuale del limite delle polveri sottili, fissata dalla Ue, è stata superata il 23 di febbraio.

Ci vuole ben altra consapevolezza sia da parte della Giunta Regionale Lombarda che da parte del Governo per promuovere politiche e investimenti in grado di fronteggiare l’emergenza a partire dai combustibili fossili.

Di fronte alle cifre modeste previste dal nostro Governo viene facile il raffronto con quelle stanziate dalla Germania: 10 miliardi di euro l’anno per i prossimi dieci in «Green economy» e 84 miliardi solo nel trasporto pubblico.

Il rapporto Air Quality Europe – dell’Agenzia Europea per l’Ambiente: Download (PDF, 17.98MB)

Diritti per le persone, regole per le multinazionali – STOP all’ISDS

Una petizione in tutta Europa e un nuovo Rapporto di denuncia per affermare che i diritti, e la democrazia valgano di più di interessi imposti dalle grandi imprese

ISDS è una sigla che sta per Investor-State-Dispute-Settlement, che si propone di gestire le controversie tra investitore e Stato.

Un organo di arbitrato internazionale al di fuori delle regole giudicanti dei tribunali normali che si applicano nelle procedure penali o civili – chiamato a decidere sulle controversie fra “investitori privati” e gli Stati, previsto in molti trattati commerciali.

Le aziende denunciano gli Stati

Uno Stato che ha deliberato una norma a protezione di un bene come l’acqua o di tutela ambientale che si oppone o limita l’intervento speculativo di una multinazionale: quest’ultima potrà accusare lo Stato di intralciare il libero mercato e trascinare il suo Governo davanti a questo speciale “tribunale privato”.

Sono spesso richieste di indennizzo miliardarie contro regole che vengono additate dalle grandi aziende come lesive dei propri profitti, oltre a cause molto costose.

Inoltre le dinamiche di questi “processi” sono poco trasparenti basti pensare che le decisioni vengono prese a porte chiuse e in molti casi non esiste neppure la possibilità di ricorrere in appello.

Il ricorso all’ISDS da parte delle multinazionali è un deterrente per la difesa dei diritti dei cittadini: quello che accade infatti è che lo Stato, messo di fronte a richieste multimilionarie, abbia paura dell’esito della causa e rinunci in partenza a porre dei limiti al profitto dei privati.

Su 195 cause ISDS concluse negli ultimi trent’anni dimostrano che in tutto il mondo gli Stati hanno dovuto pagare 84,4 miliardi di dollari alle imprese private a seguito di sentenze sfavorevoli (67,5 miliardi) o costosi patteggiamenti (16,9 miliardi).
Si tratta di denaro pubblico, potenzialmente sottratto a politiche sociali, ambientali, salariali.

LA PETIZIONE

Il 22 gennaio 2019, in occasione del World Economic Forum (WEF) di Davos, una rete di oltre 150 organizzazioni della società civile, sindacati e movimenti, lanciano la petizione internazionale STOP ISDS in 16 Stati membri dell’UE, chiedendo alle istituzioni e ai governi europei lo stralcio delle clausole arbitrali da tutti gli accordi commerciali e di investimento in vigore e in fase di trattativa.

Aggiungi la tua firma a questa Iniziativa europea

Al presidente della Commissione europea, alla presidenza del Consiglio UE, ai rappresentanti dei Paesi membri e ai Membri del Parlamento europeo.

FIRMA LA PETIZIONE

Il nuovo Rapporto “Diritti per le persone, regole per le multinazionali”, redatto da Francesco Panié e Alberto Zoratti e scaricabile a questo link,

Missing at the borders

Persone non numeri”.

E’ questo il principio essenziale da cui nasce il progetto Missing at the borders con l’obiettivo di dare voce ed espressione al dolore delle famiglie dei migranti deceduti, scomparsi o vittime di scomparsa forzata nel raggiungere l’Europa.            

L’iniziativa autofinanziata è promossa da una rete di organizzazioni, attive su entrambe le sponde del Mediterraneo, che hanno unito le forze con le famiglie dei migranti. In prima linea fin dalla nascita del progetto Milano senza frontiere, insieme ad altri soggetti coinvolti nell’opera di sensibilizzazione voluta con Missing at the borders: Como senza frontiere, Palermo senza frontiere, Carovane Migranti, Association des travailleurs Maghrèbins de France, Alarm Phone e Watch the Med.

Uno degli strumenti creati dalla rete per raccontare il triste fenomeno dei “nuovi desaparecidos” è il sito internet www.missingattheborders.org.
Da qualche giorno online, il sito dà spazio a numerose storie e testimonianze dei parenti impegnati nella denuncia delle politiche migratorie europee che, non concedendo la possibilità di un ingresso regolare, costringono le persone a rischiare la vita per arrivarci privandole del diritto alla mobilità sancito nell’art. 13 della Dichiarazione universale dei diritti umani.        

Al momento sul sito sono presenti approfondimenti in relazione al fenomeno dei migranti nelle realtà di Paesi quali Tunisia e Algeria. Particolarmente interessanti e toccanti, le singole testimonianze con video in cui sono intervistate singolarmente le famiglie dei migranti: la loro voce racconta aneddoti, percorsi di vita e scelte fatte trasformando davvero i drammatici “numeri” associati al fenomeno in fatti reali accaduti a queste persone.

Edda Pando di Milano senza frontiere dice: “Anno dopo anno migliaia di persone scompaiono lungo i confini nel corso del loro viaggio migratorio.
Si stima che dal 2000 il numero delle vittime abbia superato le 35 mila unità. E nessuno sa quante siano esattamente quelle lungo i percorsi che dall’Africa subsahariana e dal Medioriente portano verso le coste meridionali del Mediterraneo.
Quello che Missing at the borders chiede è giustizia, verità e dignità per le famiglie; che si diano risposte concrete su quanto successo ai loro familiari scomparsi, che l’UE cessi di esternalizzare la sorveglianza delle frontiere e che sia garantito a tutti e a tutte la libertà di movimento
”.

Alla base del progetto Missing at the borders vi è l’idea che la presenza come soggetto politico dei parenti dei migranti deceduti, scomparsi o vittime di scomparsa forzata sia fondamentale per denunciare e mostrare le conseguenze della criminale politica migratoria europea e dei singoli Stati. 

Si parla di nuovi desaparecidos perché, come ha detto Enrico Calamai, ex vice console italiano in Argentina durante gli anni 70, “la desapariciòn è una modalità di sterminio di massa, gestita in modo che l’opinione pubblica non riesca a prenderne coscienza o possa almeno dire di non sapere”.
Calamai membro del Comitato Verità e Giustizia per i Nuovi Desaparecidos, di cui fa parte anche Milano senza frontiere è stato il primo a usare questo termine.

Conclude lo stesso Calamai: “I familiari dei migranti si sono conosciuti cercando i loro figli negli ospedali, nei ministeri, nei commissariati andando a fare denuncia. Ciò che di fondamentale li accomuna è l’aver fatto un salto di coscienza e di conseguenza non accettare che la loro tragedia sia dovuta ma agire per avere giustizia e far sì che, anche grazie alle loro testimonianze, nel futuro episodi simili non si ripetano”.

Nel sito saranno pubblicate ogni mese nuove testimonianze tramite videointerviste realizzate anche grazie a chi vorrà fare una donazione al progetto dalla pagina web che riporta indicazioni e i riferimenti della rete di associazioni. 

 www.missingattheborders.org

VIDEO

La Bellezza è un’emozione universale

La Bellezza è un’emozione universale
libera alle diversità dei sentimenti che la comprendono.

La misura dello sguardo non le appartiene.

La Bellezza non è un desiderio
la sua forma è plurale, ignorarla è impossibile
come le diversità che si comprendono/incontrano.

La Bellezza non si sottrae al tempo
è un dono dell’universalità della vita.

La bellezza è una meravigliosa attitudine,
un sentimento che implode nella miseria umana
anche quando la stessa soggiace alla fine della ribellione.

La bellezza insorge: alla banalità del vivere
allo sguardo indifferente, alla violenza disumana.

Possedere la bellezza è impossibile: non ha mercato
liberata nel desiderio illimitato di cambiamento.

La bellezza non porta rancore ma il rancore non porta bellezza.

La miseria non è della Natura
la miseria non si assolve con un sorriso solidale
la miseria manca della Bellezza che travalica l’esistente
e irrompe nella giustizia.

Saremo con loro

Corteo-25-4-2017Insieme senza muri” è un richiamo di grande significato, al quale risponde pienamente e compiutamente il principio manifesto di grande accoglienza: “Nessuna persona è illegale“.

Così saremo in piazza sabato 20 maggio 2017.

 

Saremo in piazza a manifestare insieme ai tanti che agiscono la solidarietà con riconoscenza verso tutte le persone che richiamano il diritto alla pari dignità.

Saremo con loro per resistere alle diverse forme di razzismo e xenofobia e per promuovere la lotta necessaria per politiche accoglienti ricche di umanità.

Consapevoli che i muri dell’appartenenza, dell’indifferenza,  della rassegnazione, … hanno ragione d’essere in una società che agita la politica del bene economico di mercato prima del Bene Comune.

Per questo la critica e la lotta sono le forme di resistenza che esaltano la diversità e la dignità di ogni persona consapevole di essere parte del “comune“.

 

la TERRA e l’UOMO – il Tutto e il Nulla

Terra---Uomo

la TERRA e l’UOMO  –  il Tutto e il Nulla

Entità suprema che alimenta la vita attraverso il dono.
Soggetto scomposto che alimenta il potere privato.
Armonica complessità d’insieme.
Microcosmo della precarietà diffusa

La Terra e l’Uomo sono corpi della vita che evolve; si trasforma nel tempo delle cose che si scompongono nello scambio tra il dono rigenerante e la rincorsa frenetica allo sfruttamento (proprietario).

La Terra è Madre: energia per la vita.

Offre ad ogni vivente il meglio di sé: materia viva, energia, cibo, riparo, bellezza. Un inno alla gioia (del vivere).

L’umano reagisce al dono (non con lo scambio) con l’estorsione.
Trasforma il bene comune, libero a tutti i viventi, in proprietà privata.
Sperpera ricchezze dedicate.
Trasforma la fertilità delle aree naturali e produttive in luoghi aridi e improduttivi.
Sottrae energia con grande intensità e scarica inquinanti nell’ambiente: in terra e in mare.
Estrae e trasforma materiali pregiati oltre le proprie necessità, accumulando discariche.
Così lo sfruttamento regola i rapporti tra gli umani che si alterano in violenza per la proprietà privata: ed è la guerra. Un attacco mortale alla vita, alla Madre: guerre fratricide di rapine e di sottomissione.

La Terra a volte si ribella alla supponenza dell’umano che deforesta, cementifica, inaridisce aree agricole, inquina l’aria e l’acqua alla sorgente, contamina, infetta perfino il cibo di cui si nutre.
Un’autentica pazzia, che solo la grande stupidità e arroganza non vede di correre verso il fine vita.

Ognuno dei piccoli figli dell’Uomo rimane soggiogato, asservito alla logica produttivistica, in cambio di “30 denari” trasforma i doni della Natura in merci esclusive.

Le bellezze naturali si dissolvono alla vista; tutto il “fare” si estingue al tramonto, nella grande solitudine, nella grande confusione, nella grande indifferenza: ed è ancora guerra prevaricatrice, per essere merce sempre più appetibile, … sempre più sterile.

Non è l’uomo il creatore. I tempi riproduttivi non sono quelli del consumo.

Senza la Terra non c’è creatura pulsante.
Ascoltare il suo battito, sincronizzare il proprio ai tempi ed allo spazio della Natura.
Non basta difendere il proprio orticello se rimane un corpo del piacere separato.

C’è chi reclama un processo rivoluzionario: impossibile senza un ritrovato abbraccio con la Terra Madre.
Difendere la terra e la sua integrità, difendere l’uomo e la sua umanità è il primo dovere di ogni rivoluzionario.
La riproduzione del dono è il principio dal quale prende corpo il processo rivoluzionario e può dare senso reale al rapporto Terra Madre – Uomo.

Nell’armonia del dono, scambio e reciprocità, si riconosce la libertà e il diritto di ogni vivente alla vita.

La bellezza (e lo sguardo che l’accoglie) è parte e misura del diritto universale alla vita, così come il sorriso e l’accoglienza sono parti della dignità tra i viventi.

Desiderare, fino al cuore della rivolta

MemoriaLa memoria è un corpo vero e vivo, non potrebbe essere altrimenti. Nella sua propensione verso il futuro sta il carattere di progetto, non identitario ma comprensivo, di confronto, scambio e conflitto.

Porre a confronto lo sviluppo di questo movimento desiderante, è una delle ragioni che dà senso e regge le attività come quelle di Dimensioni Diverse

Memoria e passione sono consegnate alle realtà nei linguaggi possibili che tengono insieme sia la militanza che la ricerca, due elementi inscindibili che fanno delle pratiche di gruppo/comunità un laboratorio in cui ogni fase viene seguita e sperimentata da tutte e da tutti.

Una esplorazione della Resistenza (intesa come dinamica e volontà di cambiamento) che dal basso racconta e suggerisce percorsi significanti di condivisione e partecipazione.

Legami forti e razionalità diverse che «prefigurano un altro mondo in cammino»

Fino ad arrivare al cuore della rivolta!


«Una delle prime considerazioni che faccio e che mi ossessiona è che la perdita della memoria, l’annientamento del passato, significa anche annientamento del futuro. Non c’è possibilità di costruire futuro se non si spreme la memoria, se non la si elabora. L’amnesia, come in parte la nostalgia, afferma la dittatura del presente. Oggi viviamo a tutti gli effetti nella dittatura del presente.…» (Pino Ferraris – 2011)

Il mare di pietra

Migration-compact1- Questo dobbiamo dirci

Questo dobbiamo dirci: che la strage nel Mediterraneo è conseguenza della decisione degli stati europei di impedire l’ingresso nei nostri paesi in modo legale e sicuro a chi cerca di entrare in Europa in fuga dalla guerra e dalle dittature, e da quella guerra e dittatura insieme che e’ la fame. Questa politica e’ assassina.

Questo dobbiamo dirci: che ci sembra normale che gli europei possano andare per il mondo dovunque vogliano; e ci sembra altrettanto normale che questo diritto sia invece negato a chi e’ costretto ad abbandonare la sua casa, la sua famiglia, il suo paese perché vittima di una violenza che minaccia la sua vita stessa. Questa percezione scissa e’ già complice di un crimine.

Questo dobbiamo dirci: che nessuno si getterebbe volontariamente tra gli artigli delle mafie dei trafficanti e degli schiavisti se avesse la possibilità di viaggiare in modo legale e sicuro dal luogo in cui la sua vita e’ minacciata a un luogo in cui poter vivere in pace.

Questo dobbiamo dirci: che nessuno morirebbe nel Mediterraneo se ad ogni essere umano fosse riconosciuto il diritto a salvare la propria vita, il diritto a muoversi liberamente, il diritto a viaggiare in modo legale e sicuro.

Questo dobbiamo dirci: che sono i nostri stati che stanno facendo morire innumerevoli innocenti nel Mediterraneo; che sono i nostri stati che stanno facendo arricchire le mafie dei trafficanti e degli schiavisti.

Per salvare tutte le vite basterebbe riconoscere a tutti gli esseri umani il diritto di giungere qui in modo legale e sicuro.

2 – Oltre lo specchio

La nostra percezione e’ alterata, la nostra coscienza offuscata, la nostra mente inceppata. Torniamo a vedere la realtà, a sentire l’empatia e la responsabilità, a pensare secondo logica, etica e politica.

E’ certo meritoria l’azione di chi presta soccorso nel Mediterraneo, ma essa salva solo una parte delle vittime, quando una buona politica le salverebbe tutte.

E’ certo meritoria l’azione di chi in Italia accoglie ed aiuta chi riesce ad arrivarci, ma essa salva solo una parte delle vittime, quando una buona politica le salverebbe tutte.

E’ certo meritoria l’azione di chi si oppone alla deriva razzista e schiavista e nazista nel nostro paese, ma essa salva solo una parte delle vittime, quando una buona politica le salverebbe tutte.

Ogni buona azione e’ benedetta: ma se si resta subalterni a una politica stragista, se non si lotta contro questa politica scellerata, nessuna limitata buona azione basterà a fermare il massacro.

Mentre sarebbe possibile far cessare il massacro nel Mediterraneo: semplicemente riconoscendo a tutti gli esseri umani il diritto di entrare in Europa in modo legale e sicuro.

Mentre sarebbe possibile annientare – letteralmente annientare – le mafie dei trafficanti: semplicemente riconoscendo a tutti gli esseri umani il diritto di entrare in Europa in modo legale e sicuro.

3 – A chi teme

A chi teme l’arrivo in Europa di milioni, di miliardi di esseri umani, nemesi di secoli di colonialismo e schiavismo e rapina e saccheggio che tuttora perdura, e’ facile rispondere: se cessassimo di saccheggiare i loro paesi, se cessassimo di imporre loro le dittature nostre alleate, se cessassimo di fare le guerre, se finalmente riconoscessimo che vi e’ una sola umanità in un unico mondo vivente casa comune dell’umanità intera, se alla politica razzista e imperialista dei vampiri che oggi governano il mondo sostituissimo la politica della cooperazione e della condivisione, della cura comune per il bene comune, la politica della democrazia che ogni essere umano riconosce ed include come titolare degli stessi diritti di ogni altro essere umano, ebbene, ogni luogo del mondo abitato tornerebbe vivibile, e nessuno sarebbe costretto alla fuga.

4 – I compiti dell’ora

Innumerevoli esseri umani in questo momento stanno subendo persecuzioni e violenze indicibili, e le loro stesse vite sono in pericolo. E’ compito dell’umanità intera salvare le loro vite, e’ compito dell’umanità intera recare loro il necessario, il doveroso aiuto.

Occorrerà per questo rinunciare a giganteschi privilegi? Sì, occorrerà rinunciare a giganteschi privilegi, che sono il frutto di secolare rapina, di inumano sfruttamento e brutale oppressione.

Occorrerà per questo rinunciare a montagne di beni superflui? Sì, occorrerà rinunciare a montagne di beni superflui, ed alla narcosi ed alla dissipazione che essi consentono e impongono.

Occorrerà uscire dalla logica proprietaria e dalla menzogna egotista? Sì, occorrerà uscirne riconoscendo la natura sociale e dialogica, plurale e interdipendente, empatica e bisognosa, limitata ed aperta della nostra umanità.

Ogni essere umano ha diritto alla vita, alla dignità, alla solidarietà.

Salvare le vite e’ il primo dovere.

5 – La svolta

E’ questa la politica necessaria e urgente.

E nel programma minimo immediato di questa politica ci sono i seguenti provvedimenti che occorre proporre adesso al Parlamento affinché divengano legge adesso:

  • riconoscere a tutti gli esseri umani il diritto di entrare nel nostro paese in modo legale e sicuro;
  • soccorrere, accogliere, assistere tutte le persone bisognose di aiuto;
  • riconoscere il diritto di voto a tutte le persone che si trovano nel nostro paese;
  • avviare programmi costruttivi e partecipati per contrastare razzismo e schiavismo;
  • avviare il disarmo e la smilitarizzazione;
  • avviare un piano di aiuti rigorosamente umanitari nei paesi più bisognosi di soccorso;
  • applicare la convenzione di Istanbul contro la violenza sulle donne.

Fermare il massacro, opporsi al nazismo.

 

« Older Entries